Navigation – Plan du site

Editoriale

Che fare ? Agli amici e colleghi tunisini
Andrée Tabouret-Keller
Traduction de Stefano Corno
p. 2-3
Cet article est une traduction de :
Editorial

Texte intégral

1Come passare sotto silenzio gli eventi che ci hanno colti completamente alla sprovvista ed allo stesso tempo ci hanno fatto fremere d’orrore in Francia, a Parigi, ai primi di gennaio e in questi ultimi giorni a Tunisi ? Certo il nostro piccolo giornale non ci permette di fare un’analisi delle condizioni estremamente complesse che hanno condotto agli estremi di queste stragi. Ma in quanto genitori, in quanto cittadini, in quanto insegnanti, quasi tutti noi lo siamo, non possiamo eludere la domanda Che fare ? In quanto collaboratori di Educazione e società plurilingui, i nostri obiettivi sono più peculiarmente quelli di collegare le questioni relative alle esigenze delle società plurilingui, e più particolarmente dell’insegnamento bi- e plurilingue, agli obblighi ed alle libertà – linguistiche, politiche, culturali – che ogni società conosce di fronte all’educazione e alla formazione dei propri figli e della gioventù. Questo progetto ci mette di fronte ad una delle difficoltà che si sono manifestate al momento degli avvenimenti appena menzionati, probabilmente la principale : la negazione della tolleranza nei confronti di ciò che non sia “puro”, di ciò che sia misto, sia per quanto riguarda le lingue – che restano la nostra specialità – oppure sul piano delle culture, che ci riguardano allo stesso modo. Il fanatismo estremo è l’aspetto più terribile della mancanza di tolleranza, particolarmente sul lato degli impegni religiosi.

2Le ricette generali sono note : l’apertura, vale a dire la conoscenza dei modi di vita diversi dai propri, è probabilmente la principale. Ognuno di noi, davanti alla propria classe, davanti al foglio di carta da scrivere per la nostra piccola rivista, deve trovare la propria soluzione personale, i principî generali sono indispensabili, ma per essere messi in pratica esigono un’applicazione concreta che appartiene a ciascuno di noi e nella quale ognuno può far valere il proprio impegno. Non si tratta quindi di elencare simili esempi, ma forse una storiella può fungere da illustrazione.

3Permettetemi di raccontare una piccola storia tunisina. Risale all’inizio degli anni Settanta. Ci muovevamo in macchina e volevamo conoscere “il sud” di cui avevamo probabilmente una visione semplicistica : le dune, le oasi. Volevamo raggiungere Gabès partendo da Tozeur. Su una strada deserta che ci era stata sconsigliata vediamo un ragazzino – non avrà avuto neanche dieci anni – con una casacca blu da scolaretto, che ci fa un timido segno : ci fermiamo, sale. “Dove vai ?” : nessuna risposta, ma un semplice gesto della mano : diritto. “Come ti chiami ?” Risposta chiara, con una voce dal bel timbro, ben articolata “Mi chiamo Mohamed”. E “dove vai ?” : nessuna risposta. Non avremmo fatto meglio a lasciarlo sul ciglio della strada ? Finché non tira il conducente per la giacca e dice, in modo altrettanto chiaro “Qui è casa mia”. Scende, sabbia da ogni lato – siamo preoccupati – ma attraversa la strada senza indugi e s’incammina in ciò che a noi sembrano dune. Un po’ più in là scopriamo in lontananza le cime di alcune tende. Andava dunque là, quella era la sua casa. Potessimo operare affinché ogni bambino avesse una casa di cui conoscesse sia il cammino che il nome, fosse pure in una lingua non usuale per lui !

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Andrée Tabouret-Keller, « Editoriale », Éducation et sociétés plurilingues, 38 | 2015, 2-3.

Référence électronique

Andrée Tabouret-Keller, « Editoriale », Éducation et sociétés plurilingues [En ligne], 38 | 2015, mis en ligne le 01 mars 2016, consulté le 23 novembre 2017. URL : http://esp.revues.org/476

Haut de page

Auteur

Andrée Tabouret-Keller

Université de Strasbourg

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© CIEBP

Haut de page
  • Logo CIEBP (Centre d'Information sur l'Education Bilingue et Plurilingue)
  • Les cahiers de Revues.org